studio-dentistico-bologna studio-dentistico-bologna

Quali servizi deve saper offrire un moderno studio dentistico?

Gli studi dentistici all’avanguardia non si limitano a semplici interventi di igiene ed estetica del sorriso, come la pulizia e lo sbiancamento dentale, ma si occupano soprattutto della cura delle patologie e delle problematiche a carico dei denti e del cavo orale.

Dalle pagine on line dell’ambulatorio del Dr. Pischedda, un valido esempio di studio dentistico a Bologna, scopriamo che ortodonzia, chirurgia orale, estrattiva, implantare, rigenerativa ed edodontica compongono il piano di servizi dei quali i pazienti possono usufruire.
Nulla a che vedere con i dentisti “cavadenti” del passato.

Per assicurare sempre un alto livello di assistenza professionale, ogni medico dentista è tenuto a mantenere una formazione specialistica costante.
Infatti, esperienza e competenze approfondite sono indispensabili per poter diagnosticare e trattare in modo adeguato i problemi e le patologie dei denti e del cavo orale.

Inoltre, oggigiorno una visita odontoiatrica non dovrebbe spaventare più nessuno perché sono a disposizione degli assistiti le migliori e le più avveniristiche tecnologie e i metodi più sofisticati affinché le sedute non siano né stressanti né dolorose.

È proprio per questo motivo che gli ambulatori più all’avanguardia utilizzano strumentazioni poco invasive e apparecchiature di ultima generazione, come radiologia computerizzata e telecamere endorali, e ricorrono a tecniche di sedazione cosciente e analgesia sedativa. La salute e il benessere dei propri pazienti sono gli obiettivi fondamentali di ogni medico, anche nell’odontoiatra.

Così come ci occupiamo della salute della pelle con routine quotidiane, anche stabilire una frequenza regolare di controlli odontoiatrici presso il nostro studio dentistico di fiducia è molto importante per la salute della nostra bocca e del cavo orale.

Di seguito, per comprendere meglio l’attività di un moderno ambulatorio prenderemo in esame i principali aspetti in cui si articola l’odontoiatria.

L’igiene dentale e la prevenzione

La quotidiana pulizia dei denti è ciò che ognuno può fare da sé per evitare molte patologie del cavo orale.
Infatti, placca e tartaro sono tra i primi responsabili di infiammazioni gengivali e proliferazione di batteri patogeni.
Uno dei problemi più frequenti è la formazione di carie, che se non viene curata in tempo può causare la necrosi del dente colpito.
L’igienista dentale, in servizio nell’ambulatorio dentistico, può eseguire regolari sedute di pulizia professionale, utilizzando strumenti efficaci per la rimozione del tartaro.

Le protesi odontoiatriche

I medici protesisti intervengono per ripristinare la dentatura dei pazienti che hanno perduto uno o più denti, in modo da permettere loro di recuperare la propria estetica, le funzioni orali e quelle masticatorie.
Le protesi possono essere di tipo fisso, come ponti, faccette e corone dentarie, oppure, mobili, come scheletrati e dentiere.
Le protesi si possono aggrappare ai denti naturali o possono utilizzare un impianto, inserito nell’osso mandibolare.

La chirurgia implantare e rigenerativa

L’implantologia moderna risolve con successo il problema della mancanza di uno o più denti.
La radice di titanio, di cui è costituito l’impianto, viene inserita nell’osso mascellare con l’obiettivo di ottenerne l’osteointegrazione, in un arco di tempo che va dai 4 ai 6 mesi.
Dopodiché, l’implantologo può montare la protesi fissa definitiva.
Purtroppo, in alcuni casi l’osso mascellare può non essere adeguato a supportare un impianto ma, grazie alla più evoluta chirurgia rigenerativa, l’ostacolo è superabile ricorrendo ad un innesto di tessuto osseo.

L’odontoiatria conservativa e la chirurgia endodontica

Riuscire a conservare i propri denti naturali il più a lungo possibile è quanto di più auspicabile ci si possa augurare.
Nel caso di un dente molto compromesso da un’infezione cariosa o da un trauma del canale radicolare, può rivelarsi molto utile un trattamento endodontico.
L’endodonzia, anche nota come devitalizzazione dentale, si preoccupa di rimuovere i tessuti molli all’interno del dente, lasciandone intatta la parte esterna. .

La chirurgia estrattiva

In determinati casi, l’estrazione dei denti è una scelta inevitabile per il dentista.
Soprattutto quando i denti in questione sono irrecuperabili perché troppo rovinati e compromessi, oppure se lo spazio a disposizione nell’arcata è insufficiente a contenerli tutti.
L’estrazione dei denti del giudizio è quella che viene eseguita più spesso, persino se si trovano ancora sotto la gengiva, all’interno dell’osso.

La gnatologia

Lo gnatologo è il medico odontoiatra specializzato nella cura delle patologie a carico delle articolazioni temporo-mandibolari e della muscolatura che interviene nella masticazione.
I diversi problemi che colpiscono il sistema cranio-cervico-mandibolare possono tradursi in dolori molto invalidanti, che è importante saper diagnosticare in modo appropriato.
Pertanto, le visite dello gnatologo devono essere piuttosto approfondite, così da rilevare eventuali mal occlusioni dentali o altre condizioni patologiche, e poter consigliare la migliore terapia.
In molti casi, per correggere una semplice mal occlusione possono bastare un’adeguata terapia fisica o un apparecchio removibile.
Invece, nei casi più complicati, può dover intervenire il chirurgo maxillo-facciale.

La pedodonzia

Il pedodonzista è il dentista che si prende cura dei più piccoli, di età tra i 5 e i 12 anni.
Si tratta di pazienti speciali, con denti da latte frammisti a denti definitivi, e con i quali è di fondamentale importanza cercare di creare fin da subito un buon rapporto e istruirli al meglio su come curare la propria igiene dentale.
Inoltre, è indispensabile avviarli a controlli periodici che permettono di valutare la corretta crescita dei denti e di intervenire con tempestività in caso di eventuali problemi.

L’analgesia sedativa e la sedazione cosciente

Per migliorare la qualità delle sedute odontoiatriche di pazienti tesi o spaventati, il dentista può ricorrere alla sedazione cosciente.
È una tecnica che consente di indurre nell’assistito uno stato di calma e benessere attraverso l’inalazione di protossido d’azoto e ossigeno puro.
Invece, per ridurre il dolore durante certi interventi odontoiatrici, risulta molto vantaggioso utilizzare l’analgesia sedativa, impiegando farmaci anestetici o sedativi in base alle necessità di ogni paziente.

In definitiva, un moderno ambulatorio dentistico è un luogo d’eccellenza, dove medici professionisti sono in grado di offrire risposte adeguate a molteplici problemi con l’ausilio dell’esperienza e delle più moderne tecnologie: un vero e proprio centro specializzato nella salute dei denti e del cavo orale.

Impostazioni privacy