Il distributore automatico di M&M's e la sua ombra oscura Il distributore automatico di M&M's e la sua ombra oscura

Non accettate caramelle, nemmeno dalle macchine: questo distributore automatico M&M’s è un pericolo

Il distributore automatico M&M’s rivela una sorprendente minaccia. Scopri cosa si nasconde dietro la tentazione delle caramelle.

Immersi nella routine quotidiana, spesso ci affidiamo a comodità apparentemente innocue, come i distributori automatici di snack. Tuttavia, talvolta ciò che sembra essere un’innocua macchina distributrice nasconde dietro di sé segreti inquietanti. Un distributore automatico di M&M’s  al di là delle sue promesse di dolcezza istantanea, ha scosso la tranquillità di una comunità e messo in discussione il rapporto tra tecnologia e riservatezza personale.

Il distributore automatico di M&M's e la sua ombra oscura
L’inganno dolce: quando il distributore automatico nasconde una minaccia Step1.it

L’Università di Waterloo, patria dell’innovazione e del sapere, è stata infatti travolta da un turbinio di scandalo che ha fatto tremare le fondamenta del campus. Ciò che sembrava essere solo un punto di ristoro dolce si è rivelato un serio rischio per la privacy degli studenti. È successo quando gli astuti distributori automatici, parte integrante della vita quotidiana degli studenti, sono stati pizzicati a rastrellare dati facciali senza il benché minimo permesso.

La scoperta sconcertante

Il rombo dello scandalo ha squillato quando un misterioso studente, conosciuto solo come SquidKid47, ha postato su Reddit una foto sconcertante: un messaggio di errore che indicava un‘intrusione. Tutto merito di un’applicazione di riconoscimento facciale attivata all’insaputa di chi utilizzava il distributore. La notizia ha fatto balzare in piedi River Stanley, un giovane dallo spirito investigativo che scrive per MathNEWS, il giornale dell’università. Grazie alle sue indagini serrate, ha gettato luce sul fatto che quei distributori golosi stavano archiviando segretamente dati sensibili come età e genere degli acquirenti, senza nemmeno chiedere il permesso.

verità dietro al distributore di caramelle
Cosa nasconde davvero il distributore automatico di M&M’s Step1.it

Stanley ha sollevato un precedente sconcertante: un caso simile di spionaggio digitale in un centro commerciale canadese, che aveva scosso le fondamenta dell’etica digitale. E l’Università di Waterloo, colta con le mani nel sacco, ha dovuto cedere alle richieste di disattivare il software invasivo e rimuovere i distributori. Ma gli studenti, non proprio contenti di essere osservati come cavie in laboratorio, hanno reagito alla grande. Hanno preso d’assalto quei distributori impietosamente, coprendo le telecamere con tutto quello che avevano a portata di mano: gomme da masticare, adesivi, persino i classici post-it, dimostrando che la creatività è il miglior antidoto alla violazione della privacy.

E mentre la polvere dello scandalo si posa, Adaria Vending Services, la mente dietro ai distributori intelligenti, tenta di giustificare l’ingiustificabile. Sostiene che le macchine sono conformi al GDPR, la legge europea sulla privacy dei dati, per tranquillizzare gli animi.  Secondo quanto dichiarato da Adaria e Invenda, le macchine operano come sensori di movimento che individuano i volti, senza mai memorizzare o trattenere immagini. Ma gli studenti non ci stanno: la legge canadese è chiara, e quel comportamento non passa inosservato. Ora, il dibattito è acceso. Le aziende di distribuzione automatica intelligente sono sotto la lente d’ingrandimento, con la privacy degli individui che è diventata un tesoro da proteggere. Un monito chiaro che, nel mondo digitale, la vostra privacy è un diritto, non un optional.

Impostazioni privacy