depressione post parto depressione post parto

Come gestire la depressione post parto e il blues maternity

La maternità può essere una fonte di gioia, ma può anche significare difficoltà e nuove sfide. Tutto ciò è particolarmente vero durante il periodo post parto, che spinge al limite la resistenza emotiva e fisica di alcune madri.

Circa il 10% delle donne in gravidanza e il 13% delle donne che hanno appena partorito soffrono di disturbi psicologici , principalmente depressione e ansia. Nei paesi in via di sviluppo, il 20% delle madri soffre di depressione clinica dopo il parto.

Le madri che affrontano problemi psicologici dopo il parto si trovano ad affrontare la doppia sfida di dover gestire la maternità contemporaneamente ai loro problemi di salute. Questo può portare a conflitti interni, ma la paura di essere giudicati e vergognarsi di ciò che stanno attraversando può impedire a molte donne di cercare aiuto, soprattutto psicologico.

Nei tempi di quarantena molti professionisti psicoterapeuti si sono attrezzati per dare sostegno psichico anche utilizzando strumenti online.

Ad esempio la dottoressa Claudia De Masi utilizza con successo video chiamate che sostituiscono in toto una terapia psicologica, vedi per maggiori informazioni sul funzionamento del supporto psicologico online: https://www.claudiademasi.com/psicologa-online-come-si-effettua-la-terapia

Quando nasce un bambino, si prevede generalmente che tutto sarà immerso nel tenue bagliore rosa della maternità. Ma la realtà è che molte donne che soffrono di depressione postpartum possono provare profonda, persistente tristezza e perdere interesse per le cose della vita. Ciò può ridurre la loro capacità di prendersi cura del proprio bambino o causare loro una tendenza all’autolesionismo, persino al suicidio.

C’è però da fare una prima distinzione tra baby blues e depressione port partum.

Che cos’è il baby blues

Il baby blues appare nella madre nei primi giorni dopo il parto . I sintomi si manifestano con irritabilità, ansia, vulnerabilità e sbalzi d’umore. È una reazione transitoria che si spiega con cambiamenti fisiologici (calo ormonale significativo), aumento dello stress e mancanza di sonno.

Quanto dura il baby blues

Il baby blues può interessare fino all’80% delle donne. È generalmente transitorio e dura da alcune ore a 15 giorni. Nella maggior parte dei casi, i sintomi scompaiono da soli senza intervento.

Come superare il baby blues

Ecco alcuni modi per aiutarti a sentirti meglio:

  • Di ‘al tuo coniuge o ai tuoi cari che non ti senti bene e che hai bisogno di più aiuto con la cura del bambino e le attività quotidiane;
  • Abbi cura di te : dormi, fai un bagno (a meno che tu non abbia avuto un taglio cesareo), esci per cambiare idea, trattati;
  • Fai attività con il tuo bambino : camminata all’aperto, contatto pelle a pelle , ecc.
  • Se, dopo diverse settimane, ti senti ancora infelice o sopraffatto dagli eventi o se hai poco interesse per il tuo bambino, probabilmente non soffri più di baby blues ma piuttosto di depressione postpartum (o postnatale) .

Cos’è la depressione postpartum

La depressione postpartum è qualcosa di piú profondo e significativo, può verificarsi in qualsiasi momento durante l’anno successivo al parto . Gli esperti concordano sul fatto che non esiste un’unica causa per la depressione postnatale, ma piuttosto una combinazione di fattori che possono tutti avere un ruolo nel causarla.

La depressione postpartum può essere spiegata da cause fisiologiche, ma può anche essere innescata dagli enormi cambiamenti di vita causati dall’arrivo del bambino. Può anche essere causata dal sentirsi sopraffatta, dai vincoli e dalla mancanza di equilibrio tra compiti della neo mamma e attività piacevoli.

Gli studi riportano che la depressione postpartum (depressione maggiore) colpisce circa il 7% delle madri nei primi tre mesi dopo il parto. Tuttavia, può interessare fino al 19% delle donne in caso di depressione lieve. Secondo gli studi, il tasso di depressione postnatale è generalmente più elevato tre mesi dopo il parto e diminuisce gradualmente in seguito.

Le donne che hanno sofferto di depressione o ansia in passato o durante la gravidanza hanno un rischio maggiore di sviluppare depressione postpartum. Altri fattori di rischio sono stati riconosciuti, ad esempio:

  • donne che hanno recentemente vissuto eventi stressanti (ad esempio trasloco, stress finanziario);
  • mamme con poco supporto sociale e con bassa autostima ;
  • poca soddisfazione coniugale.

A differenza del baby blues, la depressione postpartum è più grave. Nei casi più gravi, non solo può danneggiare la madre, ma anche danneggiare lo sviluppo del legame di attaccamento tra lei e il suo bambino e ridurre le sue interazioni con lui. Lo sviluppo cognitivo, sociale ed emotivo di suo figlio può anche essere influenzato.

Poiché il trattamento è più efficace quando la depressione postpartum viene rilevata in anticipo, la madre che pensa di soffrire dovrebbe cercare supporto. Questo lo aiuterà a ritrovare un sorriso e godersi appieno il suo bambino.

Il padre e gli altri membri della famiglia immediata della madre che sono depressi devono assicurarsi di ottenere l’aiuto di cui ha bisogno la neo mamma.

Impostazioni privacy