Meglio non mangiare le cozze crude: ecco perché Meglio non mangiare le cozze crude: ecco perché

Cozze crude, perché sarebbe meglio evitare e cosa rischi ogni volta: non vorrai mangiarle più

Si dice spesso che molti alimenti vadano consumati cotti e tra questi vi sono anche le cozze anche se alcuni le preferiscono crude: ma perché fanno male? Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Come in tantissimi sicuramente già sapranno, durante la bella stagione in tanti consumano crostacei e molluschi spesso perché risulta essere un piatto semplice, veloce e soprattutto leggero; tra questi ultimi citati vi sono le cozze ed in tanti le mangiano crude ma perché potrebbero essere un problema per la salute? Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Meglio non mangiare le cozze crude: ecco perché
Cozze crude? No, grazie: ecco perché è consigliabile mangiarle cotte (step1.it)

Dunque come anticipato alcune persone consumano le cozze crude, ma queste potrebbero rappresentare un problema per la salute. Consumare questo mollusco senza cuocerlo potrebbe portare ad avere la diarrea ma anche incappare in patologie più gravi come l’epatite A oppure E.

Ma come mai questi molluschi possono essere fonte di tali patologie? La prima cosa da capire è che le cozze sono definiti filtratori. Definite anche bivalve, esse riescono a nutrirsi grazie al fatto che filtrano l’acqua, infatti, attraggono a sé gli “alimenti” di cui hanno necessità.

Potrebbe accadere che alcuni elementi non siano digeriti dalla cozza e allora cosa accade? Questi restano lì ed il mollusco proverà ad espellerli, ma potrebbe capitare che questo non riesca ad eliminarli tutti.

Perché le cozze crude fanno male? Ecco una semplice spiegazione

Dunque, come anticipato, le cozze crude potrebbero nuocere alla salute dell’uomo. Questo accadrebbe perché alcuni microrganismi potrebbero “nascondersi” nella cozza e finire nell’intestino umano.

Meglio non mangiare le cozze crude: ecco perché
Cozze crude? No, grazie: ecco perché è consigliabile mangiarle cotte (step1.it)

Tra i diversi microrganismi presenti ve ne sono alcuni che non recano danni all’essere umano, ma altri invece si. Tra i pericolosi vi sono la salmonella, ma anche altri che, come anticipato, potrebbero provocare l’epatite virale A oppure E. Inoltre, consumare cozze crude potrebbe provocare la diarrea.

Ma come si fa a mangiare le cozze in sicurezza senza rischiare di incappare in patologie come quelle descritte? Basterebbe bollire le cozze. Alcuni pensano che se si addiziona del limone alla cozza cruda il problema patologie si risolve ma in realtà non è così.

Quest’ultimo, infatti, dà solamente alle cozze un gustoso sapore ma non è chiaramente una metodologia di cottura. Se, invece, i molluschi vengono bolliti, l’acqua supererà i cento gradi per cui batteri e virus saranno eliminati.

Di conseguenza, se si vogliono consumare le cozze queste dovranno essere cotte così da non rischiare di incorrere in patologie anche gravi. Se si vogliono ulteriori informazioni è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia.

Impostazioni privacy