Quali cibi introducono nel nostro corpo l'omega 3 Quali cibi introducono nel nostro corpo l'omega 3

Carenza di Omega 3? Mangia questi cibi e ne farai una vera scorta

Avete delle carenze di Omega 3? Per risolvere il problema basterà mangiare questi cibi, sono utili e soprattutto deliziosi.

Non tutti i valori del corpo sono sempre bilanciati come dovrebbero essere. Capita che la nostra alimentazione sia errata e che non siano state introdotte delle sostanze importanti per il corpo. Quello che occorre in questi casi è capire che cosa manca, per poi trovare una soluzione al problema. Uno dei valori che molto spesso è assente, anche se non sembra, è l’Omega 3.

Quali cibi introducono nel nostro corpo l'omega 3
Questi cibi ci aiuteranno moltissimo – Step1.it

L’omega 3 sono degli acidi grassi che svolgono un ruolo fondamentale. Permettono al nostro cervello, al sistema nervoso e al sistema cardiovascolare di funzionare perfettamente. Possono aiutare a ridurre l’infiammazione e a supportare il sistema immunitario. Si dice che siano anche associati alla salute della pelle, alla regolazione dell’umore e al miglioramento delle capacità cognitive. La loro utilità, quindi, è immensa.

Quattro cibi fondamentali per introdurre l’omega 3 nel corpo: è una sostanza molto importante

Non siamo in grado di produrli, però possiamo integrarli in maniera autonoma tramite l’alimentazione. Esistono alcuni cibi che ci consentono di introdurla nel nostro corpo, e uno di questi è il pesce grasso. Salmone, sgombro, tonno e via dicendo sono ricchi di questi acidi grassi essenziali. Questo tipo di pesce viene consigliato anche nelle diete per via della sua grande utilità, proprio perché può introdurre una grande quantità di omega 3.

Quali cibi introducono nel nostro corpo l'omega 3
Il pesce grasso è utile da mangiare in questi casi – Step1.it

E se non vi piace il pesce grasso, forse apprezzerete di più l’olio di pesce. Parliamo di un integratore alimentare che contiene elevate quantità di omega 3, quindi EPA e DHA. L’olio viene estratto dai tessuti dei pesci grassi, e può essere venduto in forma di capsule o liquido. Le persone la considerano come una alternativa per coloro che non consumano pesce grasso, ma che vorrebbero assumere in ogni caso l’omega 3.

Anche i semi di lino sono un’ottima fonte di omega 3, e sono di origine vegetale. Si tratta di piccoli semi di acido alfa linoleico, cioè un tipo di omega 3 che può essere convertito in EPA e DHA. Basta aggiungere dei semi di lino macinati al porridge, allo yogurt o alle insalate per esempio. Per ultimo, ma non meno importante, anche le noci hanno una buona quantità di omega 3. Vengono mangiate tutto l’anno e servite con insalate, cereali o dessert per arricchire la dieta delle persone.

Impostazioni privacy