Linguaggio con marcatori Linguaggio con marcatori

Linguaggio con marcatori

Il linguaggio di marcatura è un termine utilizzato nell’elaborazione del testo del computer per fare riferimento a un sistema di annotazione organizzato (cioè un linguaggio) che contrassegna determinate parti o elementi di un documento come diversi dal testo normale. In sostanza, il linguaggio di markup viene utilizzato nei documenti o nelle applicazioni Web per formattare il testo e dargli una struttura specifica. Un’altra caratteristica fondamentale è che il linguaggio di markup è invisibile al lettore di una pagina web o di un documento poiché l’unico modo per visualizzarlo è accedere al codice sorgente . A differenza dei linguaggi di programmazione, i linguaggi di markup non vengono eseguiti: vengono invece letti e resi.

Come funziona

Per formattare o strutturare una pagina, il linguaggio di markup utilizza una serie di tag, spesso racchiusi tra parentesi angolari, il cui simbolo è <>. Questi tag funzionano come istruzioni e racchiuderli tra parentesi angolari rende i tag sintatticamente diversi dal testo normale. I tag di markup vengono letti e interpretati dai parser, che quindi generano output, di solito come una pagina o un documento che viene formattato e stilizzato di conseguenza, mantenendo il markup effettivo nascosto alla vista.

Ad esempio, nel linguaggio di markup HTML, il tagh1 indica l’elemento di intestazione principale di una pagina Web e questi tag indicano alla macchina di eseguire il rendering dell’intestazione in un carattere più grassetto o più grande, secondo le convenzioni HTML standard. Tuttavia, un lettore che naviga in questa pagina vedrebbe solo l’intestazione formattata, invece dei tag di markup.

Linguaggi di markup descrittivi vs linguaggi di markup procedurali

Esistono diversi linguaggi di markup disponibili per gli sviluppatori web ed è possibile utilizzare diversi tipi di linguaggi di markup nello stesso documento. In linea di massima, possono essere classificati in due gruppi a seconda della loro funzione principale: linguaggi descrittivi e linguaggi procedurali.

Linguaggi di markup descrittivi

Come suggerisce il nome, la funzione dei linguaggi di markup descrittivi è descrivere o etichettare elementi o sezioni di un documento web. Questo linguaggio è puramente semantico, il che significa che non fornisce alcuna istruzione su come deve essere elaborato. Invece, l’obiettivo del markup descrittivo è etichettare parti di un documento lungo aree concettualmente stabilite.

HTML e XML sono alcuni dei sistemi di markup descrittivo più utilizzati. XML è l’acronimo di Extensible Markup Language, sviluppato negli anni ’70 per semplificare i sistemi di annotazione dei documenti Web esistenti. Il markup XML differisce dall’HTML in quanto le sue applicazioni vanno oltre la visualizzazione dei documenti web. XML è stato utilizzato per supportare una vasta gamma di applicazioni, dalla produttività agli strumenti di comunicazione.

D’altra parte, HTML sta per Hypertext Markup Language ed è apparso nei primi anni ’90. Nei decenni successivi, è diventato il sistema di markup più utilizzato nel world wide web. Gli usi comuni includono la creazione di sezioni e divisioni di pagine Web e la formattazione di elenchi, testo e moduli di contatto. Un documento HTML di base dovrebbe apparire come segue:

<!DOCTYPE html>
<html>
<testa>
<meta charset="utf-8">
<title>Titolo pagina</title>
</head>
<corpo>
<h1>Titolo principale</h1>
<p>Paragrafo di esempio</p>
<h2>Sottotitolo di esempio</h2>
<p>Paragrafo di esempio</p>
<img src="nome-file-immagine" alt="titolo immagine">
</body>
</html>

Nel documento sopra, il markup HTML indica al browser come formattare e visualizzare elementi come titolo, intestazione principale e sottotitolo, il tutto in base ai parametri predefiniti se non diversamente specificato dai CSS.

Linguaggi di marcatura procedurale

A differenza dei sistemi di markup descrittivi, i linguaggi procedurali offrono istruzioni su come devono essere elaborati i loro tag. Questi sistemi sono utilizzati in una varietà di applicazioni, dal desktop publishing alla composizione e all’elaborazione di testi. Alcuni esempi dei linguaggi procedurali più comunemente usati includono Postscript e LaTex.

LaTex è stato inizialmente rilasciato a metà degli anni ’80 e da allora ha ottenuto un’ampia adozione nel mondo accademico e nelle scienze. Gli utenti di LaTex producono una serie di tag per aggiungere struttura e stile al documento su cui stanno lavorando. Il suo obiettivo principale è la composizione e la preparazione del documento e i suoi tag si basano su concetti familiari e logici come capitolo o tabella. Un documento LaTeX di esempio avrà il seguente aspetto:

\documentclass [14pt]{articolo}
\usepackage{nome del pacchetto utilizzato} 
\title{\Titolo documento} 
\begin{documento} 
\section*{Nome sezione}
\subsection*{Nome sottosezione}
\end{documento}

Nel documento sopra, il markup LaTex specificherebbe la dimensione del carattere applicabile al documento (14pt), oltre a delimitare diverse sezioni del documento (titolo, sezione e sottosezione).

Importanza per l’ottimizzazione dei motori di ricerca

La scelta del linguaggio di markup non avrà un impatto diretto sulla SEO; cioè, puoi scegliere HTML, XML o LaTex e questa scelta non farà necessariamente un page rank più alto o più basso. Detto questo, alcuni tipi di markup rendono più facile per i motori di ricerca comprendere il contenuto di una pagina. Questo è il caso dei meta tag o del markup Schema di Google. Allo stesso modo, alcuni tipi di markup dello schema consentono a Google di visualizzare rich snippet nella pagina dei risultati di ricerca.

Recipe-rich-snippet
Screenshot con una ricetta nelle SERP di google.com

Pertanto, si consiglia di utilizzare questi tipi di markup nelle pagine Web. Nel complesso, questo aiuta i motori di ricerca a ottenere una comprensione più accurata del contenuto di un sito in modo da poter offrire questo contenuto agli utenti che potrebbero interagire con esso.

Impostazioni privacy